A quanti di voi è capitato di dover riesumare un vecchio computer o rimettere in ordine il proprio che ormai non rende più come da appena acquistato?
Molti preferiscono adattarsi e accettare la condizione di dover aspettare tempi di caricamento che diventano lunghissimi e un utilizzo più blando per non far bloccare il computer, il tutto per non doverne comprare uno nuovo.

Ma abbiamo bisogno seriamente di portare il nostro computer da un tecnico o di sostituirlo con uno nuovo? Noi di TechMuffin siamo per il DIY (Do It Yourself / Fallo da te!) e ti spiegheremo in questa semplice guida come riesumare e riportare in condizioni ottimali il tuo computer!

Nota: a destra di questa pagina (da PC) o in basso (da smartphone) è presente un indice con tutti i collegamenti ai vari paragrafi di questo articolo! Essendo molto lungo potrete utilizzare quel menù per migliorare la lettura e muovervi solo tra i paragrafi di vostro interesse (anche se vi consigliamo di leggere tutto di fila).

Quali computer sono idonei?

Ci teniamo a dirvi che questa guida è stata scritta per coprire la più grande percentuale di computer al momento in giro.

Il tutto per dirvi che, ad esempio, un computer di 15/20 anni fa, seppur ci si lavori su, non riuscirà più ad essere utilizzato in modo ottimale, ma già computer con meno di 10 anni possono riuscire tranquillamente ad essere utilizzati e sfruttati per le operazioni quotidiane.

Software

Preferiamo partire da quel che riguarda il software, essendo un operazione abbastanza semplice e che non richiede di dover mettere mano ad un cacciavite.

Attenzione, diffidate di tutti quei siti che vi promettono di risolvere i problemi scaricando programmi inutili a pagamento che faranno solo arricchire quelli che tenteranno di vendervi un inutile licenza premium!

CCLEANER

CCleaner si offre come un’ottima risorsa per la pulizia del proprio computer.

Il programma è gratuito e scaricabile liberamente dal sito di Piriform.

Una volta scaricato ed installato vi basterà avviare il programma, selezionare dalle impostazioni quali elementi pulire e quali no e avviare una pulizia del sistema e una del registro!

Già questa semplice soluzione dovrebbe avervi alleggerito il disco dai file inutili, ma continuiamo!

CCleaner
CCleaner tool per pulire il proprio computer

MALWAREBYTES

Il rallentamento di un computer può essere dovuto anche alla presenza di virus e malware. Tra tutti gli antivirus disponibili nella rete, Malwarebytes è quello che noi di TechMuffin riteniamo il migliore come semplicità ed efficienza. Lo si può scaricare da qui.

L’utilizzo è semplice: vi basterà avviare una scansione e attendere i risultati. Se alla fine dovesse trovare elementi pericolosi, è sempre meglio cancellare tutto.

Malwarebytes

PULIZIA FILE INUTILI

Un HDD troppo pieno rallenta di prestazioni. Un consiglio che vi diamo è quello di mettervi a fare una sana pulizia dei vostri file.

Che siano file di poco o nessun interesse o programmi che non vi servono più, è bene cancellarli per restituire un “poco di aria fresca” al vostro disco e consumare meno risorse per cercare all’interno di file inutili.

Reinstallare Windows (o GNU/Linux)

Windows

I 3 passaggi precedenti erano delle soluzioni molto “soft” per riuscire a risolvere problemi molto leggeri e banali. Nel caso non siano riusciti a migliorare le prestazioni della vostra macchina, quello che conviene fare è formattare senza fasciarsi troppo la testa alla ricerca di tutti i singoli problemi che potrebbero rallentare il vostro computer.

Il tutto è molto semplice: basterà procurarci il file ISO dal sito di Microsoft della versione di Windows che vogliamo scaricare [LINK] e utilizzare il tool per la creazione della chiavetta avviabile fornito da Microsoft stessa.

Attenzione, questo cancellerà in modo definitivo ogni file presente sulla chiavetta.

Un consiglio ovvio è quello di salvare SEMPRE i propri dati all’esterno del computer prima di qualsiasi formattazione. Usate un HDD esterno (o costruitevelo con questo accessorio), una chiavetta secondaria o un secondo PC, il salvataggio dei dati è importante!

Un altro consiglio è quello di salvarsi la key della propria licenza di Windows o nel caso acquistarne una. Ci sono tanti rivenditori online che le forniscono in modo legale e a prezzi molto economici.

Una volta creata la chiavetta con il tool fornito da Microsoft, basterà spegnere il computer, avviarlo con la chiavetta inserita e selezionarla dal menù di boot.

Per entrare nel menù di boot vi consigliamo di cercare su Google come fare, inserendo il proprio modello di computer e seguendo le istruzioni trovate in rete. Di solito basta premere F9, CANC, Alt oppure ESC quando accendete il PC.

Una volta avviata l’installazione basterà seguire le semplici istruzioni fornite a schermo e in poco tempo avrete Windows installato come nuovo!

Ultima cosa da fare è quella di installare i driver per il proprio computer. Anche qui dovremo cercarli su Google o sul sito del produttore del nostro computer creati per il vostro modello. Se avete dubbi in merito vi invitiamo a unirvi al gruppo Facebook di Informatica Semplice o al suo gruppo Telegram.
Informatica Semplice

GNU/Linux

Un’alternativa all’installare Windows è valutare il passaggio a un sistema operativo basato sul kernel Linux.

Questo passaggio lo consigliamo sopratutto a tutte quelle persone che il PC lo usano per un utilizzo quotidiano come navigazione Internet, Facebook, giochi via browser, gestione documenti ecc.. Per parlarvi di Linux bisognerebbe creare un intero articolo a parte, ma tutto ciò che vi diciamo sono i vantaggi di quest’operazione relativamente a quest’articolo, quali un sistema più veloce, reattivo, senza bisogno di preoccuparsi di virus, pulizia, settaggi o driver da dover inserire.

Il tutto è già pronto fuori dalla scatola, l’installazione è semplice e, se è il vostro primo sistema operativo basato su Linux, vi consigliamo fortemente Zorin OS dove qui potete leggerne la recensione della versione 11 e la guida su come installarlo.

Le uniche persone a cui sconsigliamo l’utilizzo di Linux sono quelle che giocano a videogiochi, non essendoci ancora molti titoli rispetto alla controparte Windows, o a chi utilizza software speciali per lavoro. Per tutti gli altri consigliamo l’installazione! Come detto precedentemente, backup dei dati e se avete dubbi o volete informazioni commentate qui sotto o chiedete nel gruppo di Informatica Semplice!
ZorinOS

Hardware

Se desideriamo dare una spinta alle prestazioni del nostro computer migliorandone la componentistica, ecco due semplici “upgrade” che possono realizzare tutti in modo facile e veloce!

SSD

La velocità di caricamento dei nostri programmi e del computer in se’ è dovuta in gran parte alla velocità del nostro disco. Abbiamo già analizzato in questa guida come verificarne la salute, ma nel caso volessimo sostituirlo per aumentarne la velocità, l’aggiunta di un disco SSD non può che aumentare le prestazioni del nostro PC.

Un SSD, per chi non lo sapesse, a differenza dei classici Hard Disk che troviamo nei nostri computer, presenta prestazioni in lettura e scrittura molto più elevate, perché utilizza memorie flash rispetto ai classici dischi meccanici del HDD, ma anche un costo per Gigabyte più alto.

In ogni caso, se il nostro utilizzo del pc si ferma a operazioni che non richiedono troppa memoria, con 50€ dovremo riuscire a risolvere il problema. Un disco che ultimamente stiamo provando e ci sta piacendo parecchio è il Drevo X1 PRO reperibile qui.

Il montaggio è molto semplice: se il nostro computer è un portatile basterà spegnerlo, chiuderlo, aprire lo sportellino nella parte inferiore svitando alcune viti, per poi montare il nuovo SSD, scollegando l’HDD.
SSD

Come detto su, se avete dubbi non esitate a chiedere l’assistenza di Informatica Semplice o ad un amico anche se l’operazione è molto semplice!

Riguardo ai computer fissi è altrettanto semplice l’operazione: basterà infatti aprire lo sportello laterale del computer rimuovendo le due viti anteriori che lo tengono fermo, collegare la SSD con i due cavi apposta (come in foto), richiudere tutto e seguire le operazioni descritte nella parte dedicata all’installazione di Windows (usa l’indice a destra per trovarlo).

RAM

Anche la RAM può influire pesantemente sulle prestazioni del nostro computer. Nel 2017 il minimo quantitativo di RAM che dovrebbe essere presente in un computer è di 4GB anche se molti purtroppo ne montano solo 2GB o 1GB.

La RAM è quella componente in cui vengono salvati i programmi aperti. Un quantitativo di RAM basso equivale a meno risorse per il sistema da utilizzare per tenere i programmi aperti.

Per scoprire il nostro quantitativo di RAM basterà scaricare un programma gratuito chiamato “Speecy” che vi darà molte informazioni riguardo al vostro PC. Il programma è scaricabile gratuitamente qui ed è prodotto dalla stessa casa di CCleaner.
Speecy

Se in questo riquadro il quantitativo di RAM è minore di 4, bisogna assolutamente aumentarla.

La prima cosa da fare è stabilire quale RAM comprare, dato che non tutti sono dello stesso tipo.

Se parliamo di un portatile allora parleremo di “SD-RAM”. Se parliamo di un fisso allora saranno “RAM”.

C’è da stabilire pure la generazione. Per quello basterà leggere su Speecy. Le RAM si dividono in “DDR”, “DDR2”, “DDR3” e “DDR4”.

Non provate a montare RAM di generazioni diverse perché, oltre a trovare difficoltà nel montarlo, rischiate di non far avviare il computer. Se succede, assicuratevi che le schede RAM siano state montate bene e soprattutto siano compatibili con il PC.

Le RAM sono acquistabili tranquillamente su Amazon con una semplice ricerca, se avete dubbi scrivetecelo qui sotto!

Il montaggio è più semplice di quello del SSD: basterà infatti spegnere il computer e nel caso di un portatile rimuovere lo sportellino semplicemente girando la vite che lo tiene fermo (HDD e RAM potrebbero essere sotto lo stesso sportellino).
Ram Laptop

Le RAM sono tenute ferme da due linguette poste ai lati, basterà semplicemente allargarle usando poca forza e si solleverà da sola.

Nel caso avessimo due slot RAM vi consigliamo di riempirli con la quantità di ram più alta che potete (nel caso abbiate più di una scheda).

Per il computer fisso vale la stessa storia: spegnere, aprire lo sportello e ci ritroveremo davanti alla scheda madre. Nel caso del computer fisso le RAM sono più grandi e le alette non vanno allargate ma aperte facendo una leggera pressione verso il basso.
Motherboard

Manutenzione

Abbiamo visto come risolvere i problemi che colpiscono la maggior parte degli utenti e dei loro computer, ma come fare per mantenere il PC in ordine nel tempo?

Abbiamo anche per questo 3 ottimi consigli da darvi!

Controllare le temperature

E’ molto importante tenere sott’occhio la temperatura delle nostre componenti, sopratutto d’Estate.

Quando il PC non riesce a dissipare bene il calore, l’intero computer e le prestazioni ne risentono.

Per tenere sotto controllo le temperature del vostro computer potete usare sempre Speecy che vi informerà sulle temperature di tutti i componenti. Attenzione, una temperatura troppo elevata fa male al vostro pc!

Nel caso le temperature siano troppo alte vi consigliamo di scriverci su Informatica Semplice dato che ogni computer può avere i propri “difetti” nella dissipazione.
Speecy

Rimuovere la polvere!

Altro aspetto che danneggia parecchio il nostro computer è la polvere.

Nel caso di un portatile è meglio lasciare stare, ma nel caso di un fisso si può andare ad annidare molta polvere all’interno del case, specie se non ci sono filtri apposta per la polvere.

Per pulire il proprio computer basterà aprirlo (da spento ovviamente) e provare a pulire tutti i componenti in modo delicato, senza usare acqua e stando molto attenti a non danneggiare nulla!

Se poi vogliamo proteggere il nostro pc dalla polvere, basterà comprare dei semplici filtri che potranno essere posizionati negli ingressi dell’aria del nostro case.

La salute del disco è importante!

Ultimo punto, ma non meno importante, è tenere sempre sotto controllo la salute del HDD del nostro computer!

Con il tempo un HDD si consuma, tenerlo sott’occhio per prevenire eventuali danni o perdite di dati è fondamentale!

Per questo consigliamo Crystal Disk Info, ma vi invitiamo a consultare questa guida in cui è stata trattata la cosa in modo approfondito con relative soluzioni.

 

Qui da TechMuffin è tutto! Speriamo di essere stati il più esaurienti possibili e vi ricordiamo un’ultima volta che se volete avere un supporto tecnico non esitate a scriverci nel gruppo di Informatica Semplice. L’utenza sarà felice di aiutarvi!

Inoltre vi ricordiamo di mettere mi piace alla nostra pagina Facebook, di iscrivervi al nostro canale Telegram e di accettare le notifiche del sito per non perdervi mai una guida!

Alla prossima e fateci sapere con un commento qui sotto se l’articolo vi è stato di aiuto 😉

Vedi altri articoli correlati
Vedi altro da Fabio Rimondi
Vedi altro in Guide

Guarda anche

Project Node – un PC piccolo, potente ed economico

Buongiorno a tutti i lettori di TechMuffin, oggi vi porterò un articolo diverso dal solito…