Home Android Smartisan OS: La rom che vuole essere un quadretto

Smartisan OS: La rom che vuole essere un quadretto

Commenti disabilitati su Smartisan OS: La rom che vuole essere un quadretto
0

In molti vi starete chiedendo cosa diamine sia questa Smartisan OS. La risposta è semplice. Una ROM (per Oneplus One) davvero insolita con delle features ed un design che probabilmente non vedrete mai altrove. Vi starete chiedendo il perchè: scopritelo insieme a noi.

Installazione

Questa rom non può essere installata come tutte le altre. Questo perchè necessita della recovery stock dell’OS. Come possiamo installarla? È molto semplice. Prima di tutto, dovrete avere il Bootloader sbloccato. Se ancora non lo avete fatto, qui trovate tutti i dettagli per poterlo sbloccare. Ora, scaricate il full zip da questo link (ci metterà molto, i server cinesi purtroppo sono una brutta piaga). Una volta scaricato unzippate la cartella usando programmi come 7rar, winzip o winrar. Al suo interno troverete due cartelle, entrate nella seconda (quella che si chiama “smartisan etc etc”). A questo punto vedrete una cartella nominata “Flash Recovery” e altri 2 file (il primo è per chi ha già installato la versione precedente di questa rom, il secondo, invece, è quello che serve a noi). Andiamo a mettere il secondo file nella memoria del telefono. Aprite quindi la cartella “Flash recovery”, al suo interno troverete 2 file con nome “flash_recovery.bat” e “flash_recovery.sh”: se avete Windows dovrete avviare il primo, se invece possedete un Mac od una distribuzione GNU/Linux, avviate il secondo (ricordatevi di attaccare il telefono al pc in fastboot mode prima di avviare i due programmi citati poco sopra). Bene, ora avete installato la recovery della Smartisan OS. Recatevi quindi in recovery e andate a selezionare la voce “Apply update” e selezionate il file che avete precedentemente inserito nel telefono. Una volta avviato il flash vi basterà attendere qualche minuto per la fine dell’installazione e riavviare il telefono.

Recovery-Flash-Zip Recovery-Home-Page-2

Configurazione Iniziale

Pur essendo una semplice configurazione, merita una nota per via dello stile di quest’ultima. Infatti, come potrete notare dagli screen, lo stile è prettamente bianco, molto minimal, con cura per ogni dettaglio. Le lingue disponibili sono solo 5, e una sola è fattibile (l’Inglese). Andrete quindi ad accettare un EULA per il software e successivamente si svolgerà come una normale configurazione. A parte la possibilità di collegarsi allo Smiling Cloud, un Cloud della società con il quale è possibile recuperare contatti, messaggi, note, bookmarks, eventi, allarmi e foto.

User Interface

Veramente molto particolare la UI di questa rom. Essa infatti, è composta da enormi quadretti con all’interno le icone delle app, ovviamente, sarà possibile modificare il tema di default (non pensate che sia presente il theme manager di cm) con quelli preinstallati, oppure modificare le icone e la lockscreen (vedrete tutto nel video qui sotto). Ora, però, guardiamo le varie features.

Launcher

La prima cosa che vedrete del Launcher della Smartisan Os sarà il walkthroug. Quest’ultimo, vi spiegherà come utilizzarlo(dall’aumentare la dimensione della griglia, allo spostare le icone, passando per come si nascondono le pagine, e per come si accedono a quest’ultime). Anche senza quest’ultimo, risulta abbastanza semplice capire come fare. Tenendo premuto su uno spazio vuoto, si apre un sotto menù dove vi sarà possibile ordinare le icone per nome, colore e tempo d’uso) Come abbiamo potuto notare anche nella configurazione iniziale, il tema predefinito è quello del bianco. A lungo andare, però, riesce a non stancare. Grazie appunto anche ai temi (come citato poco fa).

Lockscreen 

Molto particolare anche quest’ultimo, visto che si presenta con una barra inferiore nella quale è visibile:

  • Orario e data
  • Telefono
  • Messaggi
  • Fotocamera

Purtroppo, non risulta personalizzabile se non per lo “stile”. Sarà infatti, possibile selezionare tra “Translucent” e “Classic”. Facendo uno swipe a 4 dita verso destra e/o sinistra, sarà possibile cambiare istantaneamente lo sfondo.

Task Manager

Il Task Manager è in linea con il resto della Rom. Esso infatti, è molto particolare. Lo possiamo richiamare eseguendo un doppio tap sul tasto home, e una volta aperto ci troveremo davanti alle schermate delle app, suddivise in pagine. Tenendo premuto sulla schermata dell’app, ci verrà mostrata l’opzione per pinnare quest’ultima. In maniera tale da tenerla sempre in memoria. A sinistra della prima schermata, troviamo la pagina dell’app musica.

 

Impostazioni

Andando in questa sezione, ci troveremo davanti ad una schermata che sembra andare indietro nel tempo (Stile parlando). Passato il “ribrezzo”, noteremo che è davvero ben fatta, ogni cosa è nel posto in cui dovrebbe essere. Non impazzirete, quindi, per cercare una determinata voce.

 

App Preinstallate

Molte sono le app preinstallate sulla Smartisan Os. Purtroppo, alcune di esse sono inutilizzabili per chi come me non conosce il cinese. Troveremo quindi app come:

  • Dialer
  • Fotocamera Aosp
  • ColorOs Camera (Con plug-in funzionanti)
  • Calendario
  • Browser
  • Galleria
  • Messaggi
  • Note
  • Meteo
  • Musica
  • Google Installer Service(ne parleremo meglio fra poco)
  • Search (Dice tutto il nome)
  • Security Center (Feature presente in tutte le rom Orientali, al suo interno troviamo varie utility, dalla pulizia della cache, alla gestione dei dati)
  • Sveglia
  • Download
  • Elephant Magazine (una delle due app inutilizzabili per noi)
  • Smartisan Reader (la seconda app inutilizzabile)
  • Registratore (nel quale è possibile selezionare la qualità della registrazione)

Nulla di strano nelle app preinstallate della Smartisan OS, se non fosse per Elephant Magazine (solo il nome lascia poco all’immaginazione del suo utilizzo), Smartisan Reader(Come la precedente app) e il Google Installer Service.Se siete stati attenti, durante la procedura di installazione, avrete notato che non abbiamo flashato le Gapps, e il motivo è presto detto. Quest’app preinstallata infatti, ci permetterà di installare il play store e il playservice con un semplice tap.

Prestazioni & Batteria

Purtroppo, la rom pecca un po’ sotto il lato autonomia, non portandoci a sera con una singola carica. Presumiamo sia anche colpa della versione di Android, ferma, con la Smartisan OS, alla 5.1.1. Lo abbiamo messo a dura prova, per vedere le prestazioni con questa rom. I giochi che abbiamo provato (come al solito) sono Temple run 2 (con grafica al massimo) e Asphalt 8. Con il primo non abbiamo avuto nessun tipo di lag o rallentamenti, non si può dire lo stesso con il secondo, nel quale abbiamo trovato micro lag e rallentamenti in presenza di numerosi elementi sullo schermo. La GPU, non a causa della scarsa potenza, si trova in difficoltà e non riesce a mantenere un frame rate stabile e fluido a causa della cattiva gestione delle risorse. Nonostante i problemi della batteria, che sono aggirabili con qualche piccola accortezza (come disabilitare la rete dati quando non utilizzata e/o attivare il risparmio energetico), e i piccoli lag presenti in Asphalt 8, non ci sentiamo di bocciare completamente la Rom. Tenendo in considerazione che si tratta di un Porting.

Giudizio Finale

Che dire, una rom che si differenzia dalle altre, per la UI, le features e l’originalità. Pecca come già detto in batteria e nei giochi più pesanti. Ciò non toglie che sia un’ottimo inizio (si tratta del secondo update), e speriamo ce ne siano molti altri ancora. Ha tutte le carte in regola per diventare una grande Rom per il nostro Oneplus One. E voi, l’avete provata? Che ne pensate? Fatecelo sapere qui sotto o sul nostro gruppo Telegram Techmuffin’s Bar. Restate sintonizzati con le nostre notizie sul nostro Canale.

Vedi altri articoli correlati
Vedi altro da Yvan Bonci
Vedi altro in Android
Commenti Disabilitati

Guarda anche

Lineage OS: Facciamo il punto della situazione

Come ben sapete, CyanogenMod è morta (Un bivio lungo la strada). Al suo posto è nata Linea…